• AAA_UNI_rev1.jpg
  • AAwelfare to work.jpg
  • AMISURA2Bhome.jpg
  • bcerimoniaoss.jpg
  • home aainformatica gratis.jpg
  • home accreditamento 2.jpg
  • home bcc1.jpg
  • home GARANZIA.jpg
  • home news.jpg

Si comunica che gli interessati ad aderire all’avviso "MiFormoeLavoro", possono contattare gli enti accreditati della Provincia di Foggia, seguendo le procedure previste, in quanto l’Associazione Monte Celano non opera più nella sede di Lesina.

 

Informiamo gli aspiranti allievi dei corsi formativi MiFormoeLavoro che a breve vi saranno comunicazioni inerenti all'iscrizione ai percorsi formativi.

E’ convocata l’Assemblea dei Soci presso la sede dell’ Associazione Monte Celano Ente di Formazione Onlus, sita in via Banchina Vollaro snc - 71010 Lesina (FG), il giorno 25 giugno 2018 alle ore 21.00 in prima convocazione e/o il giorno 26 giugno 2018 alle ore 10.00 in seconda convocazione, qualora nella prima convocazione non sono presenti almeno la metà degli associati, per la trattazione del seguente ordine del giorno:

  • Approvazione del bilancio consuntivo 2017;

  • Dimissione soci;

  • Integrazione componente Direttivo;

  • Varie ed eventuali.

Considerata l’importanza della convocazione si prega di non mancare.

L’occasione consente di porgere cordiali saluti.

Lesina, 05/06/2018

Il Presidente

Allegrini Roberto

Si informa che l’Associazione attiverà presso il Centro Polifunzionale in via Banchina Vollaro, primo piano, nel mese di Giugno e Luglio , dal lunedi al giovedi dalle ore 9,00 alle ore 12,00,attività di orientamento alle facoltà universitarie ed accompagnamento al lavoro. Sono a disposizione degli utenti due postazioni,personal computer, collegati ad internet, per redigere ed inviare curriculum. Gli utenti avranno a disposizione un software specifico e saranno supportati da esperti nella compilazione di un CV. Poter essere accompagnati da operatori esperti nella compilazione del curriculum può essere un’opportunità molto preziosa per proporsi con efficacia per una nuova posizione lavorativa.

Il Presidente

(Roberto Allegrini)

Sul Bollettino Ufficiale della Regione Puglia del 17/4/2018 è uscito l'avviso pubblico per la concessione di un Voucher formativo e un Voucher di servizio per l'accompagnamento al lavoro in favore di disoccuati.

L'avviso sostiene l'accesso a politiche attive di soggetti disoccupati, prevedendo l'assegnazione di un voucher per promuovere percorsi formativi volti all'accrescimento delle competenze professionali.

I  destinatari:

  • residenti o domiciliati in un Comune della Regione Puglia, se cittadini non comunitari è necessario essere in possesso di regolare permesso di soggiorno;
  • aver compiuto i 18 anni d'età;
  • essere disoccupati secondo quanto definito dall'art. 19 del D. Lgs 150/2015 e privi di strumenti di sostegno di reddito;
  • essere disoccupati secondo quanto definito dall'art. 19 del D. Lgs 150/2015 e beneficiari di strumenti di sostegno al reddito.

E' inoltre prevista una indennità di frequenza.

Per qualsiasi informazione rivolgersi all'Associazione Monte Celano Ente di Formazione onlus, via Banchina Vollaro LESINA (1° piano). 

Dal 9 al 12 Aprile 2018 si sono svolti, presso l'Istituto di Istruzione Superiore Einaudi-Grieco di Foggia, gli esami di qualifica OSS.

Le studentesse, dopo aver sostenuto una prova scritta e una orale, hanno ricevuto i complimenti dell'intera commissione per aver superato brillantemente l'esame.

La Regione Puglia ha approvato l'avviso MiFormoeLavoro, una misura che si pone l'obiettivo di accrescere le competenze e favorire l'occupazione dei soggetti svantaggiati. Sebastiano Leo, assessore con delega al Lavoro e alla Formazione, ha illustrato il nuovo programma, elaborato sulle basi dell'esperienza dell'avviso Welfar to work. I veloci mutamenti del mercato del lavoro hanno richiesto un aggiornamento del progetto, sotto gli aspetti delle procedure, dei contenuti, della programmazione e dell'attuazione dell'offerta formativa.

MiFormoeLavoro interverrà su due piani, proceduralmente e cronologicamente uno conseguenza dell'altro:

  1. Gli organismi accreditati attiveranno percorsi formativi, assecondando le esigenze locali e del mondo del lavoro. La formazione sarà volta all'apprendimento di competenze e capacità operative, utili alla ricollocazione professionale.

  2. I soggetti che avranno completato con successo le attività formative di cui sopra, saranno seguiti attraverso un servizio di tutoraggio e assistenza nella ricerca di una nuova occupazione.

E' prevista un'indennità di frequenza per coloro i quali parteciperanno ai corsi di formazione. Le attività saranno strutturate in modo da garantire l'accesso a soggetti svantaggiati, in possesso di specifici requisiti.

I dati Istat per il 2017, riferenti un tasso di disoccupazione del 19,4% nel Mezzogiorno, hanno una volta di più messo in luce la piaga del livello occupazionale. Se nord e centro Italia sembrano aver agganciato un inizio di ripresa (il tasso di disoccupazione è rispettivamente tre e due volte più basso di quello del Sud), il meridione è ancora fermo, scontando un preoccupante gap occupazionale.

Politiche attive innovative come MiFormoeLavoro cercano di convogliare gli sforzi nella direzione della ricerca di lavoro e dell'inclusione sociale.

AC

Nei giorni scorsi, l'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) ha pubblicato uno studio denominato “The resilience of students with an immigrant background”. Si tratta di una ricerca volta a monitorare le capacità di apprendimento e di recupero culturale e sociale degli studenti immigrati. La definizione immigrant background si riferisce ad una categoria specifica di studente, in possesso delle seguenti caratteristiche:

  • Non comunica attraverso la lingua italiana tra le mura domestiche

  • Non è nato nel Paese ospitante o vi è arrivato non nei primi anni di vita

  • E' inserito in un sistema scolastico sconosciuto

In Italia, questo tipo di immigrazione è stata per molti decenni poco considerata, sia dalle istituzioni, che dagli istituti di ricerca. La motivazione era molto semplice: si trattava di un fenomeno sociale numericamente marginale, soprattutto rispetto ad altre nazioni europee come Gran Bretagna, Francia e Germania. Negli ultimi quindici anni le cose sono rapidamente cambiate, se da un lato gli studenti con background straniero in età adolescenziale sono ancora il 20% in meno rispetto alla media Ocse, dall'altro non va trascurato che rappresentino il 20% del totale degli studenti. Attraverso l'analisi dei test Pisa Invalsi, lo studio ha messo in evidenza le maggiori difficoltà riscontrate dagli studenti immigrati. Solo la metà di questi ultimi ha raggiunto il livello minimo di competenze scolastiche, mentre gli studenti “nativi” vi è arrivato nel 69% dei casi. La maggioranza degli studenti immigrati non approda all'Università, in parte è dovuto al fatto che siano per lo più iscritti agli Istituti Professionali e in parte alle ristrettezze socio-economiche delle famiglie di provenienza. Il rapporto in oggetto ha evidenziato come diversi studenti con background di immigrazione siano impegnati in lavori informali non pagati, svolti per lo più in piccole aziende famigliari. Se questo va a giovamento del bilancio domestico, contemporaneamente toglie tempo ed energie utili all'apprendimento delle competenze e alla socializzazione.

L'Ocse auspica che, i governi dei singoli Stati, mettano in atto politiche volte al coinvolgimento degli studenti in programmi dedicati all'integrazione sociale e al veloce apprendimento della lingua. Il gap con gli alunni nativi parte già dai primi anni, visto e considerato il basso tasso di frequentazione degli asili da parte dei figli di stranieri. Prima i bambini entrano nella formazione scolastica, prima hanno la possibilità di apprendere la lingua e socializzare con i coetanei. Lo studio ha sottolineato come, In Italia, le “motivazioni a fare bene” degli studenti con background straniero siano molto alte nel 64% dei casi. E' un dato più basso rispetto alla media internazionale, ma più alto rispetto a quello degli alunni nativi. L'entusiasmo riscontrato deve essere convogliato in politiche attive.

La riforma della Buona Scuola si è occupata di questi aspetti, prevedendo una cattedra di italiano per stranieri e richiedendo ai docenti la frequentazione di corsi di formazioni, atti all'apprendimento di competenze specifiche. I tempi stimati per la realizzazione dell'apparato formativo dedicato agli stranieri sono lunghi, infatti si ritiene che possano entrare a regime solo nel 2022.

Chi volesse approfondire l'argomento, può leggere la versione integrale del Rapporto dell'Ocse al seguente link:

https://www.oecd.org/education/the-resilience-of-students-with-an-immigrant-background-9789264292093-en.htm

AC

La Regione Puglia ha aggiornato il Repertorio delle Figure Professionali inserendo quattro nuove figure. Fanno tutte parte dell'ambito musicale, sono state inserite in seguito alla valutazione dell'istanza della Fondazione Paolo Grassi. Un Comitato Tecnico tematico, costituito da esperti del settore “servizi culturali e di spettacolo”, ha esaminato la proposta e, seguendo gli appositi standard procedurali, approvato l'inserimento nel RRFP.

Le nuove Figure Professionali sono:

  • Tecnico della interpretazione vocale, prassi esecutiva e repertorio musicale solistico e d'insieme. Si tratta di un cantante in grado di interpretare melodie in relazione al proprio timbro vocale, esibendosi con o senza accompagnamento strumentale, come solista o parte di un gruppo. Sa applicare strategie per apportare espressività fisica al canto ed applica modalità posturali corrette e funzionali. Applica esercizi pratici e approfondisce studi teorici per perfezionare le sue competenze nel canto. Nel contesto di una performance teatrale-musicale, applica le tecniche in suo possesso di articolazione verbale e dinamica respiratoria, aumentando in questo modo l'espressività. Utilizza la strumentazione degli studi di registrazione ed esegue le indicazioni dei tecnici del suono e di produzione, al fine di generare una registrazione audiofonica. Esegue e interpreta nel modo corretto le letture musicali dei diversi generi.

  • Tecnico della interpretazione, esecuzione e accompagnamento musicale con uno strumento. Si tratta di un musicista strumentista in grado di leggere, eseguire e interpretare la scrittura musicale con il proprio strumento, esibendosi da solista o in gruppo o come membro di orchestra. E' in gradi di eseguire un brano musicale dopo aver studiato la partitura, sapendo improvvisare e avendo cura della manutenzione dello strumento. Realizza arrangiamenti con il proprio strumento, potendosi avvalere delle nuove tecnologie in materia di scrittura musicale. Utilizza la strumentazione degli studi di registrazione ed esegue le indicazioni dei tecnici del suono e di produzione, al fine di generare una registrazione audiofonica. Sa mettere in campo strategie di promozione e di autoimprenditorialità, anche in vista di audizioni e concorsi.

  • Responsabile dell'interpretazione, esecuzione e accompagnamento musicale al pianoforte e del coordinamento di complessi orchestrali e/o vocali. Si tratta di un Maestro collaboratore in grado di leggere, eseguire e interpretare la scrittura musicale al pianoforte, prevalentemente nel teatro d'opera. Studia, prepara e rappresenta opere, balletti e concerti. Può ricoprire diversi ruoli, assecondando le necessità dello spettacolo: dal pianista al maestro di luci, dal Maestro collaboratore di palcoscenico al Maestro suggeritore. All'occorrenza, sostituisce il direttore d'orchestra durante le prove e collabora con altri Maestri, potendosi avvalere di una vasta conoscenza della teoria e del repertorio musicale. E' in grado di eseguire una partitura pianistica, sia come solista, che come parte di un'orchestra. Sviluppa la musicalità, attraverso lo studio e la pratica strumentale con particolare attenzione ai testi e alle melodie. Dirige gruppi strumentali e vocali secondo le corrette modalità di sincronizzazione. Studia il repertorio operistico, sacro, sinfonico, cameristico e di balletto. Accompagna performance al pianoforte, sapendo arrangiare, anche avvalendosi delle nuove tecnologie in materia di scrittura musicale. Utilizza la strumentazione degli studi di registrazione ed esegue le indicazioni dei tecnici del suono e di produzione, al fine di generare una registrazione audiofonica. Sa mettere in campo strategie di promozione e di autoimprenditorialità, anche in vista di audizioni e concorsi. Programma e pianifica le risorse umane, logistiche e materiali, nel rispetto dei tempi e del budget economico stabilito.

  • Responsabile della composizione e scrittura musicale. Si tratta di un compositore, ovvero di colui che crea una scrittura vocale o strumentale. E' un soggetto in grado di plasmare un brano trascrivendo le note su pentagramma o supporto informatico e depositarlo presso l'organo competente. Compone musiche originali per orchestre, gruppi e cantanti, riproducibili nei più disparati contesti. Compone repertori musicali originali per produzioni artistiche e commerciali. E' in grado di arrangiare e rivisitare composizioni per diversi generi e contesti. E' in possesso delle competenze per impiegare software utili alla produzione digitale di musica. Programma l'utilizzo di un budget assecondando le risorse logistiche, umane, materiali e temporali di cui dispone. Utilizza la strumentazione degli studi di registrazione ed esegue le indicazioni dei tecnici del suono e di produzione, al fine di generare una registrazione audiofonica. Attua una strategia di promozione al fine di divulgare la personale produzione, sviluppando l'autoimprenditorialità.

Per avere informazioni maggiormente dettagliate sulle nuove quattro figure professionali, si consiglia di accedere al Bollettino della Regione Puglia attraverso il seguente link:

http://www.regione.puglia.it/documents/10192/23534691/DET_209_6_3_2018.pdf/41089866-7385-499d-bd5d-fb5d3705535d?version=1.0

AC

L'Associazione Monte Celano, Ente di Formazione Onlus, con sede in Lesina (FG) in via Banchina Vollaro, accreditata dalla Regione Puglia Formazione Professionale, facente parte dell'ATS Neetwork Puglia, intende attivare n. 2 percorsi Formativi nell'ambito turistico e nel settore amministrativo, da 200 ore, rivolti a:

- giovani tra i 15 e i 29 anni;

- residenti in Italia;

- cittadini comunitari o stranieri extra UE, regolarmente soggiornanti;

- giovani non impegnati in un’attività lavorativa, né inseriti in un corso scolastico o formativo;

Ai giovani viene riconosciuta in indennità di frequenza pari a euro 0,80 a ora. Per poter accedere alle attività formative, i giovani devono essere opportunamente profilati il Centro per l'Impiego di San Severo (FG).

Per ulteriori informazioni rivolgersi al seguente numero telefonico 0881.663621 o contattare tramite mail l'Associazione Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..">Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Il martedì e il giovedì dalle ore 9.00 alle ore 12.00 l'Associazione rimane a disposizione presso gli uffici siti nel Centro Polifunzionale, primo piano - Via Banchina Vollaro - Lesina (FG).

Pagina 1 di 9

Associazione riconosciuta iscritta nel Registro delle Persone Giuridiche Private della Regione Puglia al n.379 (D.P.R. del 10/02/2000 n. 361 art. 4)

Ultimi posts